Articolo da logo neuroni organizzativi

Lettera a Galimberti tratta da D di Repubblica di Sabato 7 Novembre 2015

“Mi sento una scimmia! Ho lo stesso margine di autogestione di una scimmia ammaestrata. E’ il mio lavoro, rispondo al telefono. Tutto il tempo. Sempre e comunque, tutto il giorno, tutti i giorni. Non mi allontano dalla postazione, non mi allontano, non parlo con il collega, a meno che non sia il telefono a deciderlo, interrompendo, per il tempo che è lui a stabilire, il suo martellare perpetuo. Sono totalmente eterodiretta. Mi limito a seguire e applicare procedure standard, talvolta approssimative e nebulose. E’ come stare su una catena di montaggio mentale anziché manuale: una chiamata dietro l’altra, meccanicamente, senza distrazioni, interruzioni e tentennamenti. Ogni cosa è cronometrata: la durata della chiamata, la durata della post-chiamata, la durata delle pause (quindici minuti esatti). Non c’è gesto nella giornata che non venga misurato. Velocità, brevità, e quantità devono essere gli obiettivi a cui tendere: più chiamate smaltisco, meno tempo ci impiego, migliore è la mia prestazione. Non per niente la tanto decantata efficienza che si richiede è un tipico attributo delle macchine. Ed è d’obbligo fingere che io sia molto più simile a una macchina che esegue un compito, piuttosto che a un essere umano con esigenze più complesse, ma potenzialmente destabilizzanti per il sistema”.

Una lavoratrice di call center

DOBBIAMO PORTARCI ALL’ALTEZZA DEL NOSTRO COMPUTER?

In questa lettera ci sono rabbia, rassegnazione, speranza, ci sono intelligenza, decisione, lucidità: tutti ingredienti di una persona ancora piena di vita, ma messa in gabbia e invitata a prendere spunto, nel proprio lavoro, dal funzionamento delle macchine.

E’ il paradosso dell’età della tecnica, osserva Galimberti: “L’uomo deve portarsi all’altezza delle prestazioni del suo computer se vuol salvare il posto di lavoro, condizione del suo vivere. Siamo a questo”.

Almeno funzionassero bene, i call center, almeno fornissero risposte adeguate alle domande del cliente. Almeno funzionassero bene una marea di servizi gestiti in questo modo. Il più delle volte gli operatori di call center forniscono risposte da scimmie ammaestrate non potendo gestire alcuna situazione che non sia già stata prevista, con l’esito che il cliente risulta molto spesso insoddisfatto.

A chi giova questo sistema? La proceduralizzazione, l’ottimizzazione dei processi, la necessità di avvicinare sempre di più il funzionamento della persona a quello di una macchina sta riducendo in poltiglia le risorse e la capacità di ragionare, dissolvendo le motivazioni e disumanizzando le relazioni. E non serve né a far funzionare meglio aziende, né a migliorare soddisfazione dei clienti e livello dei servizi.
 

LE RISPOSTE DELLA SCIENZA

Torniamo allo scopo di questo blog, ovvero fornire risposte o spunti scientifici alla gestione delle persone nelle organizzazioni.

A questo proposito, mi chiedo che effetto abbia, sul cervello delle persone, la percezione di mancanza di autonomia e di controllo sul proprio lavoro.

Cosa accade a livello neurologico quando le persone svolgono lavori totalmente parcellizzati e proceduralizzati e dove il margine di autonomia e di percezione di controllo personale sia quasi del tutto inesistente?

Ecco cosa dicono le ricerche: quando ci sentiamo in situazioni come quella descritta nella lettera, in cui abbiamo scarsa possibilità di controllo e poca autonomia, il cervello, in automatico, attiva un circuito neurologico che il neuroscienziato David Gordon ha definito di “risposta a minaccia”: il sistema limbico si posiziona in uno stato di allerta e di difesa, paragonabile a quando sentiamo dei passi nel buio. Aumenta la produzione di cortisolo e adrenalina (inizialmente) e aumenta il consumo di ossigeno nel cervello e di glucosio nel sangue.
Tutto questo, distrae risorse preziose per l’elaborazione cognitiva, in questo esempio vengono sottratte risorse alla memoria di lavoro che, sotto pressione, riduce la propria normale capacità e quindi la possibilità di elaborare risposte creative o semplicemente articolate.

Inoltre, vogliamo parlare dell’effetto che ha il senso di svilimento che questo modo di lavorare produce? Ormai svariate ricerche confermano che il nostro cervello mette sullo stesso piano le esigenze sociali e quelle di sopravvivenza, ad esempio avere fame o essere ostracizzati, esclusi dal proprio gruppo di riferimento, attivano le stesse risposte neurologiche.

Il dolore sociale, che deriva dal sentirsi esclusi, svalutati e poco considerati, anche nel proprio ambiente di lavoro, attiva nel cervello le stesse aree attivate dal dolore fisico, come mostra l’immagine.

aree attivate nel cervello da diversi comportamenti

Non trovo nient’altro da dire, questa lettera è talmente forte che parla da sé. E voi? Avete mai provato questa sensazione? Vi ritrovate nelle risposte che ci danno le neuroscienze? Fatemi sapere la vostra nei commenti.

formaMenti

Non credo nella formazione (Parte Prima)

Non credo nella formazione (Parte Prima)

Qual è lo scarto tra “addestramento” e “form-Azione”?

Un’analisi degli effetti a breve e lungo raggio di due metodi formativi che producono esiti diversi a diverse profondità.

Non credo nella formazione (Parte Seconda)

Non credo nella formazione (Parte Seconda)

Condiziona-menti VS libertà d’azione

Ecco come un approccio formativo costruttivista, orientato verso l’unicità di ogni individuo, permette di ottenere risultati dagli alti standard qualitativi ma soprattutto performativi.

Non credo nella formazione (Parte Terza)

Non credo nella formazione (Parte Terza)

Con-formare senza mai conformare

È questo l’imperativo categorico di chi si impegna a (ri)generare professionalità libere da ogni meccanicismo preconfezionato. I progetti di formazione dovrebbero infatti intersecare identità e necessità di mercato.

Torniamo in aula

Torniamo in aula

Non siamo contro il digitale e la tecnologia, siamo contro l'uso eccessivo e superficiale. È ovvio che spesso, in formazione, e-learning e strumenti similari facciano risparmiare tempo e soldi ma questo non deve andare a scapito della didattica... sempre più il primo punto va a scapito del secondo!
Bene, dal nostro punto di vista, per i modelli misti di formazione e bene soprattutto per le società serie che si pongono quesiti sull'apprendimento.

Cosa aspettarsi dopo il post-moderno?

Cosa aspettarsi dopo il post-moderno?

L’etichetta di “post-modernità” è ormai comunemente utilizzata al fine di indicare l’epoca in cui il consumismo si fa cultura di massa. Di tale etichetta se ne vanta la liquidità, la fluidità, la “fine delle meta-narrazioni”, la legittimità definitiva di un individualismo dell’ “Io valgo”.

Eppur si muove...

Eppur si muove...

Sorprende e conforta la recente notizia di una storica distilleria italiana che propone come momento formativo per i suoi dipendenti lezioni di mindfulness e meditazione.

Ha ben piccole foglie la pianta del the

Ha ben piccole foglie la pianta del the

"Ha ben piccole foglie la pianta del the..."
così cantava Ivano Fossati con botanico realismo e poetica osservazione.

Il maestro è nell'anima

Il maestro è nell'anima

Novalis in una delle sue vette poetiche affermava che la vita è una continua ricerca del padre, un cammino che inizia presto da bambini attraversa la dolorosa adolescenza del confronto oppositivo e continua nell'età adulta come tarlo ossessivo che rode, seppur spesso inconsapevolmente.

LEGGI ALTRI ARTICOLI >

 

inseriMenti

Imprenditorialità e solitudine

Imprenditorialità e solitudine

Si parla spesso della solitudine dell’imprenditore, sia per sottolineare la grandezza quasi “regale” di tale ruolo e l’unicità dell’energia creativa e di comando, ma anche per evidenziare le difficoltà nel condividere le proprie intuizioni e decisioni. Due aspetti della stessa realtà, quella imprenditoriale, che portano ad una condizione esistenziale costantemente in bilico tra potenza e rischio.

Il cambiamento della funzione HR

Il cambiamento della funzione HR

Il ruolo della funzione HR in azienda sta cambiando profondamente

Coworking, quando il lavoro si condivide

Coworking, quando il lavoro si condivide

Nascono in tutto il mondo gli uffici condivisi, quelli in cui scambiano scrivanie e wifi, ma anche idee e pensieri

Gli uffici più belli del mondo

Gli uffici più belli del mondo

Il lavoro è il lavoro, non sempre si tratta di piacere. Ma se svolgiamo la nostra professione in un luogo bello e confortevole tendiamo a produrre di più: ecco le caratteristiche che deve avere un ufficio perfetto.

Il lavoro agile: rivoluzione per aziende e dipendenti

Il lavoro agile: rivoluzione per aziende e dipendenti

In uscita una nuova legge per favorire il lavoro agile.

Seductive Operationally Bully: attenzione ai SOB in azienda

Seductive Operationally Bully: attenzione ai SOB in azienda

Leggermente psicopatici ma efficienti, a volte dei veri talenti, il SOB prospera nelle aziende ad elevata spinta competitiva. 

Come lavorare in spiaggia

Come lavorare in spiaggia

Grazie a dei semplici gadgets è possibile continuare a lavorare anche in vacanza, perfino in spiaggia. Anche se una pausa è quello che ci vorrebbe per poi ricominciare con più entusiasmo

Job Sharing: anche il lavoro si può condividere

Job Sharing: anche il lavoro si può condividere

Si tratta di un contratto lavorativo diviso tra due colleghi: in questo modo entrambi i dipendenti possono avere maggiore flessibilità e più tempo libero

LEGGI ALTRI ARTICOLI >

 

nutriMenti

L'insostenibile peso del singolo

L'insostenibile peso del singolo

Leggere i fatti della Sierra Leone, del giovane ammazzato in discoteca e dei morti di Barcellona non può non richiamare la coscienza personale a due parole importanti e continuamente manomesse dal web e dagli scribacchini dei quotidiani:
Compassione e giustizia.

Generazioni a confronto per un marketing human-oriented

Generazioni a confronto per un marketing human-oriented

L’Italia delle generazioni” è una recente pubblicazione ad opera del Censis e rappresenta il primo importante segnale di attenzione verso il fenomeno della scissione generazionale integrato alla prospettiva socio-demografica.

Dimmi cosa compri e ti dirò chi sei

Dimmi cosa compri e ti dirò chi sei

Le grandi speranze che si erano subito affollate intorno al neuromarketing si sono notevolmente affievolite. Lo testimonia la diminuzione di ricerche accademiche, di dibattito e di offerta di metodi applicativi più o meno credibili.

L'equivoco della naturalità

L'equivoco della naturalità

Da sempre il marketing cattura il consumatore poiché rappresenta l’appagamento dei suoi desideri attraverso il consumo.

Parole, parole, parole...

Parole, parole, parole...

A proposito di identità o di principio logico di identita', pensavo che se tutte le frasi, citazioni, immagini con i soliti santini o santoni della grande industria che postiamo su Linkedin...

Croce/Cucinelli

Croce/Cucinelli

«Il filosofo, oggi, deve non già fare il puro filosofo, ma esercitare un qualche mestiere, e in primo luogo, il mestiere dell'uomo.»(Croce)

Maskbook

Maskbook

“Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti.”
L.Pirandello

“Ah ah! Experience”…what else?

“Ah ah! Experience”…what else?

Per il nostro cervello apprendere significa creare nuove connessioni e generare nuove vie di comunicazione tra neuroni distanti e aree sconnesse

LEGGI ALTRI ARTICOLI >

 

rinnovaMenti

Tenco

Tenco

Nelle Langhe da bambino era bello vedere i contadini segnarsi prima di iniziare la giornata di lavoro, giornata faticosa sui cambi bruciati, urticati dal sole, proprio quei campi che ho provato a descrivere in quella mia ultima canzone che mi costrinsi, o non ricordo più se fui costretto a scrivere per partecipare a Sanremo 67.

Estradizione (nel nome del niente)

Estradizione (nel nome del niente)

Ho ucciso un uomo, ma non è la prima volta.
Un altro l’ho lasciato a terra agonizzante, era solo un ragazzino, ma si è messo in mezzo, che dovevo fare?

Potere senza padri, padri senza potere

Potere senza padri, padri senza potere

Nel secolo appena trascorso il ruolo esistenziale dell'uomo-lavoratore è stato fatto coincidere con il ruolo sociale, annullando l'individuo ed ergendosi a dovere necessario per raggiungere un obiettivo che non è appunto della singola esistenza, ma del potere sociale.

London Calling

London Calling

Stop a "signore e signori". La metropolitana di Londra si adegua all'imperativo ideologicamente corretto e sostituisce l'annuncio con "hello everyone", una cosa tipo "salve a tutti!". La decisione è stata presa per non urtare chi – dovendo scegliere tra le varie identità di genere – non sa ancora se essere signora o signore, donna o uomo.

Fear & Co. Spa

Fear & Co. Spa

La neuroeconomia è una scienza che si avvale di studi in neuroscienze applicati a variabili produttive ed economiche e molti di questi studi tendono ormai a dimostrare il legame tra risultati economici ed engagement

Qual è il momento giusto per cambiare lavoro?

Qual è il momento giusto per cambiare lavoro?

Se la vostra situazione lavorativa non vi soddisfa pienamente, è giusto fare qualche cambiamento: ecco quel è il momento giusto per farlo

I consigli per affrontare una giornata di lavoro con il sorriso

I consigli per affrontare una giornata di lavoro con il sorriso

Ecco 4 consigli per andare al lavoro con il sorriso e 3 per mantenerlo: solo così si può affrontare una giornata lavorativa nel modo giusto

Mi sento una scimmia ammaestrata

Mi sento una scimmia ammaestrata

Mi sento una scimmia! Ho lo stesso margine di autogestione di una scimmia ammaestrata. E’ il mio lavoro, rispondo al telefono.

LEGGI ALTRI ARTICOLI >

 

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.Accetta